scuola
Notizie

Pubblicato il da & archiviato in Notizie.

Ecco le raccomandazioni stilate dal nostro prof. Marco Gattorno con il prof. Nicola Ruperto eper il Gruppo di Studio di Reumatologia della Società Italiana di Pediatria di cui è segretario il nostro prof. Angelo Ravelli. Lo scopo è quello di dare delle indicazioni per garantire in massima sicurezza il ritorno a scuola dei bambini affetti da malattie auto-infiammatorie e reumatiche.

COVID-19, malattie reumatiche e frequenza scolastica

Raccomandazioni del Gruppo di Studio di Reumatologia della Società Italiana di Pediatria (versione del 14 settembre 2020)

Le raccomandazioni sotto riportate sono rivolte ai genitori e ai medici curanti e hanno lo scopo di guidare le decisioni relative alla frequenza scolastica dei bambini e degli adolescenti con malattie reumatiche. Le raccomandazioni sono basate sulle evidenze attualmente disponibili in merito al rischio generale della popolazione pediatrica di contrarre e diffondere l’infezione dal SARS-CoV-2 e al rischio specifico dei bambini e degli adolescenti con malattie reumatiche di sviluppare forme clinicamente significative di COVID-19.

Raccomandazioni generali

1) Tutti i bambini e gli adolescenti che riprendono la frequenza scolastica devono osservare rigorosamente le raccomandazioni sulle modalità e i dispositivi di protezione individuale prescritte dalle autorità governative e scolastiche.

2) È raccomandata l’effettuazione della vaccinazione anti-influenzale, possibilmente estesa anche ai familiari e ai conviventi.

Raccomandazioni specifiche

1) Non si ritiene necessaria alcuna limitazione della frequenza scolastica per i bambini e gli adolescenti con qualunque malattia reumatica che non stanno ricevendo trattamento farmacologico.
2) Non si ritengono necessari la limitazione della frequenza scolastica e la redazione di un certificato di paziente fragile per bambini e gli adolescenti con qualunque malattia reumatica che assumono le seguenti classi di farmaci: DMARD sintetici (ed esempio methotrexate, salazopirina e ciclosporina), DMARD biologici (ad esempio antagonisti del TNF, inibitori di IL-1 e IL-6 e abatacept) e immunosoppressori non alchilanti (ad esempio azatioprina e micofenolato mofetile).

3) Si raccomandano l’astensione dalla frequenza scolastica e la redazione di un certificato di paziente fragile per i bambini e gli adolescenti con qualunque malattia reumatica che: a) assumono glucocorticoidi a dosaggio elevato (> 0,5 mg/kg/die) o ciclofosfamide; b) hanno esordio recente di malattia; c) presentano co-morbidità rilevanti. Relativamente all’ultimo punto, il grado di fragilità e l’eventuale astensione dalla frequenza scolastica dovranno essere stabiliti dal reumatologo pediatra attraverso la valutazione specifica di ogni singolo caso.

 

A questo link le indicazioni specifiche per le malattie reumatiche infantili.